Il Sambuco: proprietà e usi

SUCCO  PURO  di   SAMBUCO

Ingredienti: puro succo di SAMBUCO 100 %

Azienda Agricola FATTORIA GERMOGLIO –Savignano sul Panaro (Mo)

succo-di-sambuco

Consigli per l’uso del succo PURO di SAMBUCO:

Il succo puro di Sambuco si può consumare come un normale succo di frutta ma, per cogliere al massimo le sue proprietà nutraceutiche consigliamo di bere metà o una bottiglietta da ml. 200 a digiuno il mattino seguita dopo alcuni minuti da un bel bicchiere di acqua. Diventa così ottimo come antiossidante e antinfiammatorio e per problemi di artriti e artosi.

  • Per la depurazione: ingerire per 3 giorni consecutivi solo succo puro di Sambuco e tanta acqua per eliminare le scorie che in questo modo trovano la strada per essere espulse dal nostro organismo.
  • Per aiutare a dimagrire: ingerire per una settimana solo succo puro di Sambuco e tanta acqua. Unire il consumo di semi di psillio o lino per aiutare il transito intestinale siccome con il succo non si assumono fibre.

CONSIGLIAMO comunque di CONFRONTARVI con il vostro Medico, Naturopata, Erborista o Dietologo di fiducia per sincerarvi di quanto riportiamo in questo articolo.

I frutti di Sambucus Nigra  SAMBUCO contengono una concentrazione media di antociani 6/7 volte superiore a quella del mirtillo  (lo chiamano appunto mirtillo di pianura) e ne conferisce una grande capacità antiossidante superiore a quelle di vitamina C e vitamina E. L’interesse verso questa pianta non è solo nostro, al contrario, paesi come gli U.S.A. ed il Canada hanno appena cominciato una campagna di produzione massiccia della pianta, puntando alla sua diffusione in tutto il Misuri con il fine di iniziare una nuova industria in campo alimentare e nutraceutico. Attualmente in Europa il leader della produzione di SAMBUCO è l’Austria con una media di 9 tonnellate, ed altri produttori di rilievo sono l’Italia e  la Danimarca.

Gli antociani sono composti in grado di reagire con gli ossidanti quali l’ossigeno molecolare e i radicali liberi riducendo così i danni che queste molecole possono provocare alle cellule ed ai tessuti. Grazie a questa loro attività  queste sostanze possono essere molto utili per i loro impieghi in medicina ed in campo alimentare. Questi pigmenti sembrano proteggere quindi contro la fragilità capillare, e contro vari processi di invecchiamento o modificazioni cellulari provocati dall’ossigeno, tra cui processi infiammatori e modificazioni cancerogene. Da studi effettuati sul consumo estratti di sambuco si è potuto notare come ci sia una relazione diretta con la protezione cardiovascolare. Gli estratti della pianta sono infatti in grado di ridurre l’ ossidazione del LDL colesterolo, alla base della formazione di placche arteriosclerotiche. In questo caso uno studio clinico eseguito su volontari sani a cui veniva somministrato succo di S.nigra, ha mostrato piccole variazioni dei lipidi contenuti nel siero e dell’ossigenazione delle LDL .

Altra attività attribuibile alle bacche è quella antivirale, legata alla capacità dell’estratto di neutralizzare l’attività delle punte di emoagglutinine che si estendono sulla superficie di  molti virus. A tale proposito esistono studi in vitro che mostrano la riduzione di sintomi dell’influenza data dai ceppi A e B9.

Sempre agli estratti di bacche di sambuco è riconosciuta una capacità immunostimolante dovuta alla produzione di citochinine, proteine che aiutano a regolare la risposta immunitaria.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s